ARERA rinvia le scadenze per il nuovo contatore gas

Con una nuova delibera del 1 dicembre 2020, ARERA, l ‘Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, rinvia le scadenze degli obblighi di messa in servizio dei nuovo contatore gas elettronico. L’installazione dei nuovi misuratori del gas elettronici era già stata rinviata negli anni passati diverse volte, sollecitata anche attraverso la minaccia di sanzioni ai distributori inadempienti. Ma anche in questo caso la pandemia da Coronavirus ha rallentato il processo e ha spinto l’Autorità a permettere un nuovo rinvio di conclusione dei lavori per le diverse categorie di distributori. L’Autorità cerca in questo modo di salvaguardare la salute di tutti i lavoratori e tutti i consumatori in questo periodo sanitario eccezionale e pericoloso.

nuovo contatore gas in linea

Le nuove scadenze per l’installazione del contatore gas

Le scadenze definite dall’ARERA riguardano le diverse categorie di distributori interessate al raggiungimento dell’obiettivo di sostituzione dell’85% degli smart meter analogici su tutte le utenze nazionali stabilito con la delibera del 27 dicembre 2013, 631/2013/R/gas. Il lavoro per la sostituzione delle macchine per le grosse utenze, per le quali è necessario l’utilizzo di un contatore G40 o superiore, e quelle per le utenze intermedie, era iniziato già prima di quella data, che ha stabilito invece l’inizio della sostituzione dei contatori di piccola taglia presenti soprattutto nelle utenze domestiche e nelle piccole imprese. La variazione delle scadenze riguarda tutti i distributori con un numero di clienti dai 100.000 in su.

  • Imprese con più di 200.000 utenti finali: scadenza prorogata al 31 dicembre 2021;
  • Imprese con utenti finali compresi tra 100.001 ai 200.000: scadenza prorogata al 31 dicembre 2022;
  • Imprese con utenti finali compresi tra 50.000 ai 100.000: invariato (scadenza al 31 dicembre 2023).

Con la stessa delibera l’ARERA stabilisce che le imprese di distribuzione che dovessero acquisire la gestione di nuove parti della rete o che dovessero fondersi ad altre imprese con punti di riconsegna non soggetti agli obblighi imposti (o con tempistiche e regole meno stringenti) con il piano di ammodernamento della rete avrebbero delle agevolazioni. Le nuove linee acquisite e i relativi punti di riconsegna dovranno essere conteggiati separatamente, ai fini della verifica, come se fosse un’impresa a parte per i tre anni successivi all’acquisizione.

I nuovi smart meter del gas

Il processo di sostituzione del contatore gas analogico con il nuovo modello elettronico riguarda tutta al rete nazionale, ma in questo momento particolare è incentrato sui contatori domestici, cioè i modelli G4 e G6. Questi modelli sono progettati per comunicare a distanza i propri dati, permettere l’utilizzo in loco tramite display e perfino per fare una periodica autodiagnosi.

contatore gas elettronico modello G4
Un modello del nuovo contatore del gas elettronico

I vantaggi introdotti dal nuovo misuratore del gas sono quindi vari, e coinvolgono decisamente tutti gli elementi della rete di distribuzione, l’utente finale, il fornitore e il distributore. L’utente finale avrà a disposizione buona parte dei dati che il contatore gas rileva e invia al distributore. tramite il display a cristalli liquidi installato frontalmente potrà verificare i suoi consumi e lo stato dell’apparecchio. Il fornitore potrà e dovrà fare una lettura precisa dei consumi del cliente, senza più basarsi sulle stime di mercato. Anche il distributore potrà quindi essere a conoscenza dei consumi e di eventuali guasti o perdite nella rete vicino al contatore gas.

I modelli di smart meter hanno un’architettura che rispecchia le necessità di sostituzione su una rete bene o male già esistente e abbastanza estesa. La comunicazione dei dati dalla macchina alla centrale operativa, ad esempio, può avvenire solamente tramite collegamento wireless e può adottare o un sistema a radio frequenza a 169 MHz (detta punto-multipunto e fa uso di un dispositivo hardware detto concentratore) oppure con comunicazione tramite una linea di telecomunicazione pubblica (detta punto-punto).

La sostituzione dei sistemi di misurazione con i nuovi contatori del gas porterà indubbiamente un vantaggio non solo agli individui, ma la Paese come collettività. Aumenterà infatti la possibilità di rendere la ree più efficiente, permettendo agli operatori di individuare prima i guasti alla rete, di diminuire quindi le dispersione e lo spreco del gas. Il rinvio della scadenza è un altro rallentamento al progetto, ma la salvaguardia della salute di tutti i lavoratori è certamente un elemento ancora più importante.

Archiviato sotto: