Il contratto di attivazione per la luce è l’attività successiva all’installazione del contatore nella tua abitazione. Nel contratto sono definiti i tuoi diritti e doveri e quelli del fornitore.

Oltre ciò, nel contratto trovi indicati i termini di pagamento, il costo per kWh dell’energia che andrai a utilizzare, la potenza richiesta nella tua abitazione e ovviamente il tuo codice cliente e il POD.

Generalmente, anche il contratto della luce non prevede una penale in uscita e l’utente, salvo altre indicazioni, ha il diritto di cambiare fornitore quando pensa di poter ottenere prezzi più vantaggiosi da un altro fornitore.

Il costo di attivazione di un contratto ha dei costi stabili e altri che variano a seconda del fornitore. Le spese riguardano innanzitutto l’imposta di bollo da 16€, gli oneri amministrativi da 27,59€ e un deposito cauzionale.

Altre spese variano a seconda che si sia all’interno del Servizio a Maggior Tutela o nel Mercato Libero.